Agosto 9, 2020

ASP126, UGO BORGHETTI FEAT. FRANCO126: LUNGOTEVERE

Lungotevere, il boulevard romano che segue il corso del Tevere, ma anche il titolo del nuovo brano di Asp 126, Ugo Borghetti e Franco 126: tre membri dell’ormai famosissima Lovegang 126, noti per la capacità di proiettare gli ascoltatori dei loro brani nell’atmosfera romana attraverso la citazione dei luoghi caratteristici di questo posto e l’utilizzo del gergo dialettale.


Al centro del brano abbiamo il racconto di una storia d’amore finita solo su carta ma ancora vivida nella memoria dell’io narrante, un soggetto scisso che colpevolizza se stesso per l’incapacità di far parte del mondo dei grandi e di prendere in mano la propria vita per riuscire a dare alla sua donna la stabilità di cui avrebbe bisogno.
Emerge il dissidio interiore di chi vorrebbe scusarsi per la propria inettitudine e la rabbia di chi ormai sembra non credere più in nulla, costretto alla rassegnazione più totale che lo porta a riversare nell’alcool ogni speranza rivelatasi vana: Per te mi sarei fatto tutto il Lungotevere in macchina, nell’ora di punta di questa città. Invece resto con il solito bicchiere di plastica nel solito bar.


Tutte le storie d’amore sembrano uniche e speciali nel momento in cui si vivono, ma quello che lasciano dietro di sé è il più delle volte la distruzione di sogni che si sgretolano come castelli di sabbia, una ferita impossibile da rimarginare. Eravamo una cosa, mo semo distanti: queste le parole che si sostituiscono nel mondo reale al per sempre felici e contenti caratteristico del mondo fiabesco.


La consapevolezza del dolore non frena però il protagonista del brano, che ha ancora voglia di essere felice senza il timore degli occhi rossi e dei postumi che lascia dietro di sé la fine di una storia.

Annalisa Di lorenzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *