28 Luglio, 2020

ERBE OFFICINALI: LE PARENTESI COME PROTEZIONE DELL’AMORE

Le Erbe Officinali sono una band emergente del nuovo panorama indie pop italiano. Il progetto prende vita grazie alle idee di Daniel Riggione e Riccardo Fabris, e la loro musica è figlia dell’incontro tra il cantautorato italiano e la sperimentazione più indipendente e moderna. Il 14 Luglio è uscito Parentesi, nuovo singolo della band, per Matilde Dischi.

Di seguito l’intervista:

Ciao ragazzi! Partiamo dal vostro nome d’arte, Erbe Officinali, da dove deriva? Vi è un rimando alle proprietà di quest’ultime in ambito terapeutico o è una pura scelta artistica?

Quando ci siamo incontrati, io e Riccardo (fondatori della band), abbiamo subito notato che tra le cose in comune c’era una certa tendenza all’ansia e all’ipocondria, ed entrambi, per fronteggiare questi malumori in maniera naturale eravamo soliti far uso di rimedi naturali, a base proprio di erbe officinali. Scegliere il nome della band a quel punto per noi risultò davvero semplice.

Parentesi è il vostro ultimo singolo, di cosa tratta?

A più riprese abbiamo descritto l’amore, spesso con un’accezione negativa o pessimistica, stavolta nella parentesi abbiamo voluto racchiudere tutte le cose positive dell’amore. Che stanno lì, al sicuro, protette in un posto magico, dove possiamo portarci la persona amata.

Cosa vi ispira maggiormente nella stesura e composizione di un brano? Ci sono artisti italiani/stranieri che vi influenzano o seguite una strada personale ed autentica?

Seguiamo la nostra ispirazione personale, cercando di cavalcare l’onda dell’emozione nel momento in cui giunge. Poi certo, ascoltando tantissima musica, vuoi o non vuoi, delle influenze seppur dirette spesso possono esserci, però non partiamo mai col presupposto di dire per questo brano ispiriamoci a X o Y. Preferiamo far scorrere libero il flusso di emozioni.

Progetti futuri?

Per il futuro abbiamo in mente di rilasciare il nostro secondo album, e speriamo di poter fare un bel tour che abbracci tutta l’Italia. Poi chissà.

Salutate i lettori di Parole Indie con una citazione di una vostra canzone.

(Chiudimi in una parentesi, e giuro che poi vengo a prenderti)

Parole Indie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *