Dicembre 22, 2019

KLAUS: Le origini di Babbo Natale

Quante storie ci sono su Babbo Natale, di chi sia, dove vive e da chi è aiutato per essere pronto e al meglio la notte di Natale?

Tra libri, film e leggende possiamo dire di conoscerlo in tutto e per tutto, ma come al solito Netflix vuole stupirci e con Klaus ci fa vedere un personaggio storico con altri occhi.

Chi ci aveva mai pensato alle origini di Babbo Natale?

In questo cartone animato diretto e prodotto da Sergio Pablos, viene spiegato come Santa Claus diventa il simbolo più famoso che conosciamo noi oggi.

Inizia tutto con Jesper, il postino peggiore di tutta l’accademia postale diretta proprio dal padre che, per far maturare il figlio, lo manda in una desolatissima isola del Circolo Polare Artico.

È lì che dopo vari tentativi per capire come far spedire lettere ai cittadini, un giorno per caso conosce Klaus, un uomo imponente nella sua stazza di cui Jesper aveva paura, così nell’intento di scappare il postino perde il disegno di un bambino della città.

Così Klaus, che era un falegname chiese a Jesper di accompagnarlo dal bambino del disegno, a cui portarono un giocattolo.

Da qui in paese e non solo, si sparse la voce che se si scriveva una lettera, sarebbero arrivati dei giocattoli, così iniziarono a distribuire regali.

Divennero amici e insieme a loro si unirono anche altri personaggi. Quando un giorno, tramite un inganno, i loro nemici fecero andare il padre di Jesper a riprenderlo perché aveva superato di tanto l’obbiettivo che gli era stato posto. Klaus e tutti i suoi amici si resero conto che tutto quello che il postino aveva fatto era solo per un interesse personale.

Ma lui, a quel punto, si rese conto che era l’amore che aveva smosso tutto e non partì per tornare a casa, ma tornò dai suoi amici per farsi perdonare e continuare quello che aveva iniziato: donare regali la notte di Natale insieme al suo amico Klaus.

Riuscì nell’intento e, nonostante i nemici, riuscirono anche a portare tutti i doni.

Da lì ogni notte di Natale portavano doni ai bambini buoni che avevano spedito la lettera.

Jesper si sposò e Klaus invecchiò… Il resto lasciamolo in sospeso così avrete più curiosità quando lo vedrete.

Questo   cartone   animato   non   solo   è   originale, ma dà anche ottimi insegnamenti sia ai più piccoli che ai più grandi.

Una delle frasi più ricorrenti e più belle del film è: “Un vero atto di bontà ne ispira sempre un altro”. È la frase detta da Klaus a Jesper a cui lui si ispirerà per tutto il film.

Un insegnamento profondo e allo stesso tempo semplice a cui basterebbe fare attenzione qualche volta nella nostra vita per stare bene noi e far stare bene le persone che ci circondano.

Giulia Risa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *