Settembre 3, 2020

PINGUINI TATTICI NUCLEARI : LA STORIA INFINITA

Un amore destinato a durare il tempo di una stagione per poi finire come solo le cose belle sanno fare, senza essere corroso dal lento scorrere del tempo o contaminato dal grigiore dell’abitudine, è quello raccontato nel nuovo brano dei pinguini tattici nucleari, “La storia infinita”.

L’estate più bella della vita diventa ancora una volta il topos in cui si sviluppa una corrispondenza di anime che rimane però sospesa: non si parla di un amore estivo, ma di un sentimento tanto profondo da poter fermare il tempo fino ad essere completamente idealizzato e sembrare la “storia infinita“, un qualcosa di così potente da non poter presupporre una fine concreta poiché, come una canzone, durerà in eterno pur essendo rilegato solo al mondo delle idee. 

Tutto corre veloce, il cuore nel petto come i piedi sulla spiaggia, ma soprattutto la felicità dettata dalla tranquillitàche l’io narrante riesce a percepire attraverso la lettura dell’animo della propria amata, che rimane trasparente nonostante i suoi Ray-Ban dai vetri scuri. Emozioni forti che durano troppo poco e che assumono il valore di una poesia scritta nel cesso di un bar (l’immensità della scrittura decontestualizzata e proiettata in un luogo che non le appartiene) sono quelle che prevalgono in un individuo punk ma anche ingenuo e pronto a guardare il mondo con gli occhi di chi non vuole crescere e ha ancora il coraggio di credere nella magia dell’amore in un mondo in cui c’è sempre meno spazio per i “per sempre”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *