Febbraio 21, 2022

Gabbo e il suo nuovo EP – “I’M IN”

“I’m in” evidenzia diversi aspetti dellʼamore con la leggerezza del funk, alternato da jazz e rap che definiscono il mood e la personalità che caratterizzano il musicista.Gabbo è al suo esordio solista dopo una lunga carriera ventennale che tra le tante lo ha portato ad essere membro dei Cor Veleno (dal 2006). Al fianco di Gabbo è presente come co-produttore Squarta in tutte le tracce e in tre episodi compare la talentuosa e giovane penna di Ugo Crepa. Questo progetto è la prima uscita discografica che sancisce la collaborazione tra il duo di produttori Gabbo e Squarta con Blackcandy Produzioni.

“Questo progetto mi ha dato la possibilità di esternare il mio immenso amore per il funk e per il mio strumento, il basso, mantenendo forte la presenza del rap, che in questi anni mi ha dato moltissimo e ho voluto fare tutto questo insieme ad amici che amo e stimo, mio fratello Squarta e il giovane e forte Ugo Crepa” spiega Gabbo a proposito del nuovo lavoro discografico.

Ciao Gabbo! Iniziamo dal tuo percorso artistico: da dove nasce la voglia di fare musica?

Ciao!
Sicuramente essere nato in una famiglia di musicisti ha avuto il suo peso, anche se poi ovviamente solo questo non basta! Già intorno ai 4 anni, grazie a loro, ho avuto un primo approccio verso alcuni strumenti, quelli che suonavano loro appunto, quindi da lì a decidere di intraprendere seriamente lo studio della musica il passo è stato breve.

Il funk è uno fra gli ingredienti fondamentali del tuo sound, ti andrebbe di parlarcene? 

Anche questo è legato un po’ alle mie radici, cioè mio padre e i miei zii, essendo rispettivamente trombettista e sassofonista, ascoltavano molto Jazz, funk, soul, e quindi diciamo che anche la scelta di scegliere il mio strumento è dettata da questo; ascoltando le splendide linee di basso dei vari dischi funk, fusion, R&B e soul, vere e proprie opere d’arte a mio avviso, ne sono rimasto rapito.

Arriviamo al nuovo Ep “I’m In”. Leggendo la track-list balza subito agli occhi la collaborazione con Ugo Crepa e Squarta. Qual è il messaggio che volevate trasmettere agli ascoltatori?

Con “I’M IN” abbiamo voluto esprimere le diverse sfaccettature dell’amore e lo abbiamo fatto con la luminosità del funk, che come avete già detto anche voi mi appartiene molto.

Parliamo un po’ di te. Quali sono i tuoi interessi oltre la musica?

Oltre la musica? Perché esiste qualcosa di meglio?! Hahaha, no scherzo, comunque credo nulla… diciamo che nel mio caso lavoro e divertimento combaciano, quindi nel tempo libero mi piace stare in famiglia, alla quale sono molto legato.

Se dovessi scegliere un musicista con cui duettare, chi sceglieresti e perché?

Riguardo questa cosa sto già per realizzare un mio sogno, è un big del Jazz, magari lo capirete tra qualche tempo! Ma sono molti gli artisti che stimo, che mi piacciono e con i quali vorrei “duettare”, magari, Anderson Paak alla batteria e voce.

Grazie per aver risposto alle nostre domande. Consiglia una canzone ai lettori di Parole Indie. Buona musica Gabbo!

Grazie a voi.
Ai lettori consiglierei di ascoltare tutto I’M IN, sarebbe un vero piacere per me! A parte questo, consiglio anche un brano che ho apprezzato molto, da semplice ascoltatore 
Wesley’s Theory che trovo essere un capolavoro di Kendrick Lamar con la partecipazione di George Clinton e Thundercat.

Biografia

Gabbo, pseudonimo di Gabriele Centofanti è un bassista e produttore italiano. Nato in una famiglia di musicisti, Gabbo inizia a suonare il basso elettrico a 15 anni. Un anno dopo intraprende lo studio del contrabbasso presso il Conservatorio ”Santa Cecilia” di Roma e contemporaneamente prosegue lo studio del basso elettrico sotto la guida di Massimo Moriconi suo insegnante e amico. Poco dopo inizia la sua attività concertistica con diverse formazioni spaziando tra vari generi musicali (dalla classica al rock, passando per il funk e il pop) fino ad arrivare al rap, genere del quale diventa uno dei maggiori esponenti musicali grazie alla collaborazione iniziata nel 2006 e tutt’ora in essere con la band storica romana dei Cor Veleno, formata in origine da Primo Brown, Grandi Numeri e Squarta e diversi anni dopo anche da Gabbo stesso. Nel 2008 Squarta & Gabbo fondano ”Rugbeats”, studio di produzione musicale che ha prodotto e collaborato con numerosi artisti della scena rap e non solo, tra i quali gli stessi Cor Veleno, Coez, Gemitaiz, Madman, MezzoSangue, Roy Paci, Giuliano Sangiorgi, Jovanotti, Marracash, Clementino, Colle der Fomento, Tormento, En?gma, Raiz, Ugo Crepa, Gemello, Cranio Randagio, Rancore, Tre Allegri Ragazzi Morti e molti altri. Dal 2018 al 2020 è stato inoltre il bassista nei tour di MezzoSangue. L’amore incondizionato per il funk, il blues e il jazz, lo portano a dare alla luce un progetto che ha questi come fonte di ispirazione. E’ in arrivo il prossimo 11 febbraio il nuovo ep di Gabbo dal titolo “I’M IN” (Blackcandy Produzioni), la prima uscita discografica che sancisce la collaborazione tra il duo di produttori Gabbo e Squarta con Blackcandy Produzioni.

La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *