Ottobre 28, 2020

IL NUOVO ALBUM DI CARL BRAVE: CORAGGIO

Carl Brave torna dopo due anni con “Coraggio“, nuovo album che prende il titolo dal suo vero cognome per configurarsi come un intimo viaggio nella realtà della bassa Roma, piena di poesia e oscurità. Il tema che lega i diversi brani è la leggerezza, valore fondamentale che si contrappone al peso di vivere e aiuta l’io narrante ad affrontare svariate tematiche attraverso una sostanziale sottrazione di peso, tanto da portarlo a paragonarsi ad una piuma che vola in aria conservando il suo lento moto oscillatorio se pure consapevole di dover, prima o poi, toccare il fondo. Ci sono brani come “La Guardie” e “Fatellì” fortemente neorealisti, in grado di catapultare l’ascoltatore nelle zone malfamate di una Roma pericolosa e disincantata; ma la maggior parte di essi si sofferma sul racconto di storie d’amore, lasciando da parte i toni eroici e malinconici per aprirsi a riflessioni sull’impossibilità di un qualcosa che possa durare in eterno. Tutte le tracce vogliono dimostrare quanto coraggio serva per essere realmente umani e vivere in una realtà piena di contraddizioni come quella moderna.


Gli amori cantanti si contraddistinguono come amori destinati a finire, a durare una solo attimo per poi eclissarsi lasciando un grande vuoto dentro: quello che ti lasciano solo le “occasioni mancate“, le cose mai vissute e che mai potranno esserlo, quelle per sempre archiviate nel limbo dei “se” in grado di smontare la personalità del soggetto che le vive in mille “spigoli” non sempre combacianti tra di loro.
Ci si sofferma sulla vanità delle parole dette per convincersi di poter ancora vivere in un universo dominato dalle passioni, ma che restano solo parole con le quali si cerca di coprire superficialmente una crepa insita nel fondo del proprio petto senza riuscirci.

Annalisa Di Lorenzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *