Novembre 29, 2019

5 RAGIONI PER CUI L’INDIE NON È MORTO

L’Indie non è morto

5 RAGIONI PER CUI L’INDIE NON È MORTO

La domanda è: Adesso che Calcutta, Gazzelle e Tommaso Paradiso riempiono i palazzetti, chi c’è a colmare i vuoti dell’underground?

L’indie ha dato una definizione unificatrice a tutto ciò che sembrava fuori dal mainstage, fuori dai palazzetti e dalle super vendite. Insomma, era di pochi e per pochi eletti ascoltatori. Nel tempo l’Indie è diventato mainstream, lasciando una voragine nei cuori di chi la musica la vuole tutta per sé. Quindi è morto sul serio?

  1. Indie o non-Indie, questo è il dilemma Non possiamo etichettarlo, non esiste una definizione su wikipedia, né una data di nascita. Però finchè riusciamo a distinguere la Pausini da Fulminacci, l’Indie c’è e si vede. Parla di noi, e lo fa come se stesse parlando con un’amica al bar.
  2. L’Indie è un attitudine Più che un genere musicale, è un modo di fare, pensare, concepire. Siamo quello che ascoltiamo. Per questo ci facciamo la frangia e abbiniamo il rosa con l’arancione. Non ci sono vincoli e non c’è sold-out che tenga, se l’attitude è autentica.
  3. La moda passa, lo stile resta Coco Chanel ci ha visto lungo. L’Indie è una moda e, come tale, spopola tra i giovani rompendo ogni schema precedente e poi passa, ma ne resta l’essenza, fresca e riutilizzabile dagli intelligenti per proseguire la stirpe. 
  4. Non è morto, si è evoluto Ebbene no, non è morto. Si è evoluto, come il rock negli anni ’70, le sigarette e la pizza margherita. Vero, oggi i grandi dell’Indie, quelli che ci hanno avvicinati ad esso, calcano i palchi dei palazzetti e tempestano le radio con singoli commerciali, ma ci hanno lasciato tanti nipoti nei club, pronti al passaggio del testimone.
  5. Siam pronti alla morte? L’Indie chiamò. E nessuno rispose. Perché non siamo pronti a vederlo morire. Ci identifica, ci rappresenta, e se anche un giorno dovessimo vedere la sua data di decesso su Wikipedia, sarà nostro per sempre.

Cristiana D’Auria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *