Aprile 13, 2022

“Così scappi da te”, il nuovo brano di Angelo Iannelli è il manifesto italiano della canzone d’amore

Così scappi da te” è il nuovo brano del cantautore Angelo Iannelli, conosciuto nella scena musicale italiana grazie ad alcuni capolavori come “Comico dell’arte”, “DAG”, “Poema vocale” e l’ultimo singolo “Malbene”.

Così scappi da te”, disponibile da venerdì 8 aprile, scritto dall’artista nel lontano 2010 e registrato soltanto dodici anni dopo, quando interiormente si è fatta forte l’esigenza di pubblicarlo, è stato prodotto dai fratelli Alessandro e Francesco Cosentino, noti per i loro lavori con Ariete e Franco126 fra gli altri.

La copertina, con uno sfondo nero accompagnato dal titolo del singolo color turchese, rivela sin da subito la natura del brano: lontano da logiche puramente commerciali, libero da racconti vani, persino nello stile delle grafiche Angelo Iannelli si riconferma un inguaribile spirito libero.

Si è subito rapiti dalle note iniziali suonate al pianoforte, con un tono di voce delicato, quasi come un soffio di vento primaverile sulla pelle. Atmosfera malinconica, a tratti nostalgica, in grado di avvolgere l’ascoltatore in un caloroso abbraccio elevandolo al cielo ma, subito dopo, farlo cadere giù, come un amore fuggevole, instabile ma ricco di emozioni.

Più che l’amore al centro del brano vi è il senso ultimo della vita, definita come una lama appuntita, se la sfiori soltanto ti dà un brivido enorme ma se tu ti fidi e la tocchi per bene, prima o poi te la taglia le quattro vene, tema da sempre dibattuto fra poesie e musica. Il brano, dalla durata di cinque minuti pieni, racchiude l’attesa della felicità mentre il protagonista cerca, aspira e desidera spendere la vita a scindere il bene dal male supremo. Angelo combina perfettamente il sound delicato ma deciso con un testo altrettanto denso di significato, dall’immagine della donna che gioca col fuoco ad un malessere d’animo, più che fisico, chiaramente espresso in e tu non sai che vuol dire quando qualcuno ti porta una rosa a casa, che non sentirai tua perché hai un male dentro, che muore contento di averti trovata. Concludendo il tutto con io dico alla fine è meglio pensare a chiunque sappia farci curare le ferite della vita, che lama appuntita, questa vita è partita. Un’analisi lucida, incalzante ma al tempo stesso sofisticata.

Angelo Iannelli è dotato di una penna incantevole, descrive situazioni ed eventi semplici con metafore e similitudini da rendere gli ascoltatori protagonisti principali dei suoi racconti. Caratteristica rara nel mercato musicale odierno dove si è soliti aspettare ritornelli bruschi o riferimenti vuoti di reale significato, inseriti solo per il suono delle parole. Da tutto questo il cantautore è svincolato, sposando così la piena libertà di composizione e scrittura, ottenendo un riscontro più che positivo in ogni brano.

Si può azzardare nel definire “Così scappi da te” il “manifesto italiano della canzone d’amore”, soprattutto in questo inizio 2022 turbolento e sconvolgente è opportuno non solo ascoltare ma notare ogni piccolo sospiro, ogni piccola pausa e rifinitura di cui brani del genere, se non opere d’arte, deliziano gli ascoltatori. Angelo torna sul mercato con un’idea ben precisa: comporre musica libera da schemi precostituiti, parlare e farlo con il cuore, senza mezzi termini, proporre immagini di vita vissuta, nel bene e nel male.  

Biografia

Angelo Iannelli è un cantautore, scrittore, attore e sceneggiatore.

Oltre all’attività artistica e nello spettacolo, è professore di Lettere in una scuola superiore statale di Roma e docente di cinema, teatro e recitazione. Ha scritto il testo “Dalla notte del mito all’Eneide nei luoghi e nei tempi di Virgilio”, adattamento teatrale dell’Eneide rappresentato a Palinuro nell’ambito del “Festival della Natura: tra mito e realtà storica”, da lui interpretato insieme a Michele Placido, Corinne Clery, Alessandro Haber e Katia Ricciarelli. All’attività di scrittura ha da sempre affiancato la recitazione: ha partecipato come attore a film, spettacoli teatrali e serie tv (Un medico in famiglia, Sangue caldo, Ris Roma 3, Il peccato e la vergogna 2, Benvenuti a tavola, Squadra antimafia 5, Furore, L’onore e il rispetto 4). Nel maggio del 2016 è uscito il suo primo album “Il Cannocchiale” (Ed. Hydra Music), seguito dalla Compilation “Musica italiana” (brani di Iannelli, Califano e Minghi, tra gli altri) e dal singolo “Paolo a Francesca”. Nel 2017 è uscito il singolo “Conserva i sogni”, nel 2018 “Milena”, nel 2019 “Il bambino di Aleppo”, nel 2020 “Comico dell’arte”, “GPB”, “DAG”, nel 2021 “Poema vocale” e “Malbene”. Ha collaborato con diversi artisti, tra cui Alessandro Canini (produttore di Venditti), Riccardo Corso (Simone Cristicchi), Alessandro e Francesco Cosentino (Ariete, Franco 126), e si è esibito live con artisti come Sergio Cammariere, Edoardo Vianello e gli Audio 2. Di Iannelli hanno parlato, attraverso recensioni, interviste, live in diretta e brani in rotazione: RAI Isoradio, RAI Sport radio, TGCOM24, Mediaset Play, Radio Lattemiele, Il giornale, La Repubblica, Il messaggero, Leggo, TGR Lazio e diverse altre testate. “Così scappi da te” è il suo nuovo singolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *