Luglio 14, 2020

FRAMMENTI: PEZZI DA UNIRE L’UN L’ALTRO

Dopo il successo del singolo Mi dicono cambia, la band FRAMMENTI pubblica PUNTO DI FUGA, una canzone che disegna uno scenario onirico costellato di incubi e scottanti delusioni passate: il dolore legato al tradimento diventa il punto di partenza di un viaggio catartico alla (ri)scoperta di se stessi.

Di seguito l’intervista:

Ciao ragazzi! Come nasce il vostro progetto musicale Frammenti e come mai questo nome?

Frammenti nascono nel 2016, dall’incontro di quattro amici, ognuno con la propria Passione alle spalle: il sogno della musica. Il nome nacque una sera in sala prove. Suonavamo forte, erano gli inizi, molto rock e le vibrazioni degli ampli fecero cadere uno specchio per terra… Ci guardammo, iniziamo a raccogliere i pezzi dal pavimento; pezzi, da unire l’uno all’altro; frammenti.

Punto di fuga è il vostro ultimo singolo, di cosa parla?

Una scommessa. Punto di fuga è un singolo che sentiamo molto, in quanto mette in luce perfettamente un lato di noi, che fino ad ora era rimasto nascosto, ovvero quello vintage/soul. Allo stesso tempo, esiste un collegamento diretto con quello che sta diventando il nostro marchio di fabbrica: cassa dritta, sintetizzatori sognanti e bassi incazzati. A livello lirico, la faccenda si fa ancora più personale. Il testo parla dell’esperienza scottante del tradimento, vissuta intensamente, sofferta, e poi idealizzata nella dimensione del sogno, altro tema a noi carissimo.

Come definireste il vostro genere musicale in un panorama attuale in cui non c’è più distinzione fra indie/pop/it-pop? E come convivono le varie influenze musicali nella vostra musica?

Non sappiamo definirci, non vogliamo etichettare quello che siamo quello che facciamo e quello che suoniamo. Frammenti è tutto questo, ed è rappresentato da quattro persone diverse fra loro ma unite dalla musica, che è una sola.

Progetti futuri in arrivo?

Tanti tanti progetti, tutti legati alla musica ma non solo musicali. Infondo cerchiamo di convogliare da sempre tutte le nostre passioni. Abbiamo progettato un cortometraggio basato su quattro canzoni. Abbiamo dei singoli. Abbiamo un album. Tutte cose inesistenti finché non le termineremo.

Consigliate ai lettori di Parole Indie un brano che vi ha colpito particolarmente in questo 2020.

Ce ne sono molti, tanto che abbiamo deciso di curare una playlist con tutte le nostre influenze più recenti (Frammenti Electro Indie). Consigliamo Un colpo solo di Wlog.

Parole Indie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *