3 Giugno, 2020

EMANUELE ALOIA: TRA AMORE E LETTERATURA

La funzione eternatrice dell’arte e della poesia è al centro delle riflessioni di Emanuele Aloia nel suo nuovo brano dal folgorante titolo Il bacio di Klimt.

Il tempo dell’arte è un tempo assoluto, diverso dal tempo che concretamente il soggetto vive nella sua quotidianità, un tempo sublimato e cristallizzato in un attimo che durerà in eterno.

La funzione dell’arte è proprio quella di contrapporsi alla temporalità, di riempire i vuoti per poter creare un ponte che collega l’uomo all’eternità senza fargli sentire il peso della sua essenza terrena e corruttibile.

Proprio per questo, durante la quarantena, il giovane artista ha deciso di scrivere un brano pieno di riferimenti letterari e artistici in grado di rendere meno duro il forzato allontanamento di due individui che si amano, ma che non possono sfiorarsi, avvalendosi, come Baudelaire, della poesia per estrarre la bellezza dal male.

Il lockdown ci ha costretti a vivere una situazione distopica in cui non potevamo vedere, abbracciare, toccare le persone a noi care; alienati dietro lo schermo telefonico siamo stati privati della nostra umanità, la stessa che potevamo ritrovare solo distaccandoci da un tempo che non ci voleva uomini e trasformava sempre di più gli splendidi girasoli di Van Gogh in Fiori del male.

La proposta del brano è quella di superare questa situazione di estremo disagio ricercando le emozioni positive nelle parole dei grandi autori, consapevoli del fatto che sarebbero rinati quei giuramenti, quei profumi, quei baci infiniti della persona per la quale saremmo pronti a scendere almeno un milione di scale, immensa citazione montaliana in grado di trasfigurare l’assenza della persona amata in presenza attraverso il ricordo delle difficoltà affrontate insieme e l’andamento assunto nel momento in cui si decide di uniformare il proprio passo a quello dell’altro.

Quella di Aloia è una canzone di un amore senza tempo, eterno come un’opera d’arte e che non riesce ad essere distrutto dalle forze terrene che agiscono su di esso.

Annalisa Di lorenzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *